Italia Parchi - il portale dedicato a tutti i parchi italiani

Fonti del Clitunno

Il piccolo gioiello naturalistico dell'Umbria

9CDDB3628B760DCBBC7556807B9F146B.jpgF492ED2E7940D491414AC24CB76AF6CF.jpg7A795EB7152B20B0D3CD5E6B91081C81.jpgC867EA1F680321DFF535CFC76A912509.jpg77B130A565330FFEE6131B681BA58140.jpg4C38ECEF0D0570FE98A744D608AFC014.jpgE624CA3258AC77BF9076DC4746E20692.jpg28283E5AE1D61353FE166A615268AAE3.jpg0953126AA62845D76CBE044D16ABF3D2.jpg2D70A6CA07AA4ECEEB3E935CFAC724BB.jpgFCCC5F2165B2BF3B1E80D94D33FA2038.jpg305972F58811A0BA7C7E44F339FD1915.jpg
Le Fonti del Clitunno si estendono su una superficie di quasi 10.000 mq lungo la via Flaminia fra Spoleto e Foligno, nel comune di Campello sul Clitunno.

Il loro aspetto suggestivo, con il laghetto popolato di nasturzi acquatici, nontiscordardimé della palude, cigni e anatre, e con la miriade di colori dei salici e dei pioppi cipressini che si riflettono nel limpido specchio d'acqua, ispirò fin dall'antichità pittori, poeti e scrittori, come Plinio il Giovane, Virgilio, Corot, Byron e Giosuè Carducci, il quale le consacrò nella sua celebre ode. A ricordo della visita del poeta avvenuta nel 1910, vi è una stele marmorea scolpita a bassorilievo da Leonardo Bistolfi, accompagnata da un'epigrafe di Ugo Ojetti.

Le Fonti del Clitunno sono alimentate da sorgenti sotterranee che sgorgano da fenditure nella roccia che con la loro copiosità anticamente formavano un fiume navigabile fino a Roma, lungo le cui sponde sorgevano sacelli, ville e terme.

Considerate sacre dai Romani che qui venivano a consultare l'oracolo del dio Clitunno e a svolgere riti religiosi, come testimonia la presenza più a valle del Tempietto di Clitunno (poi trasformato in una chiesetta paleocristiana dedicata a S. Salvatore che conserva antichi affreschi), molte vene delle acque del fiume furono disperse in seguito al grande terremoto del 440 d.C. Regolate poi facendole passare al di sotto del Marraggia, le Fonti assunsero il loro aspetto attuale nella seconda metà dell'Ottocento per opera del conte Paolo Campello della Spina.

La visita di questo luogo incantato è breve, ma costituisce una tappa piacevole e rilassante in quello che può essere anche considerato un parco storico e letterario; nelle vicinanze è inoltre presente un ristorante dove è possibile degustare prodotti tipici della cucina umbra.
Aperto tutti i giorni dell'anno tranne il 25 dicembre dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 16:30.
Orario di apertura anticipato alle 9:00 e posticipato alle 18:30 nei primi mesi primaverili, e alle 8:30 e le 20:00 in quelli estivi.
Nei giorni festivi e prefestivi orario continuato.

Tariffe
Intero: € 3
Ridotto: € 2
(gruppi superiori alle 15 persone)
Gruppi di studenti sotto i 10 anni: € 1
Gratis
i bambini sotto i 10 anni accompagnati dai genitori.

All'interno del Parco è vietato consumare cibi e bevande.
Indirizzo:
Via Flaminia, 7
06042 Campello sul Clitunno (PG)

In auto:
Da Roma e Napoli: Autostrada A1 Uscita Orte, raccordo Autostradale per Terni-Spoleto, SS Flamina o SS3 Uscita Campello sul Clitunno.
Da Firenze e Bologna: Autostrada A1 per Firenze Uscita Valdichiana, SS75 Perugia-Foligno o SS3 Foligno-Spoleto Uscita Campello sul Clitunno.
Da Bologna e Cesena: Superstrada E45 Uscita per Perugia, SS75 o SS3 per Foligno-Spoleto Uscita Campello sul Clitunno.
Da Ancona: SS76 per Gualdo Tadino, SS3 Foligno-Spoleto Uscita Campello sul Clitunno.
PresentazionePresentazione
Fauna e flora sommersaFauna e flora sommersa
Tempietto del ClitunnoTempietto del Clitunno
Il ParcoIl Parco
Prima di usufruire delle informazioni di questa pagina, l'utilizzatore è tenuto a verificarle attraverso il sito o i canali ufficiali del parco. 
ItaliaParchi.it non si ritiene responsabile per eventuali errori, omissioni o cambi di programma.
Per qualsiasi tipo di segnalazione contattateci all'indirizzo email segnalazioni@italiaparchi.it